IL PERDONO


IL PERDONO

Parabola del creditore spietato

15 <<Ora, se il tuo fratello ha peccato contro di te,và e
riprendilo fra te e lui solo; se ti ascolta,tu hai guadagnato il tuo fratello,

16 ma se non ti ascolta, prendi con te ancora uno o due persone, affinchè ogni parola sia
confermata per la bocca di due o tre testimoni.

17 Se poi rifiuta di ascoltarti, dillo alla chiesa; e se rifiuta
anche di ascoltare la chiesa, sia per te come il pagano e il pubblicano*

18 In verità vi dico che tutte le cose che voi avrete legate
sulla terra saranno legate nel cielo; e tutte le cose che avrete sciolte sulla
terra saranno sciolte anche nel cielo.

19 Ancora io vi dico che, se due di voi  si accordano sulla terra per domandare
qualunque cosa, questa sarà loro concessa dal Padre mio che è nei cieli.

20 poiché dovunque due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono
in mezzo a loro>>.

21 Allora Pietro accostatosi, gli disse.<<Signore, se il
mio fratello pecca contro di me, quante volte gli dovrò perdonare? Fino a sette
volte?>>.

22Gesù gli disse:<<Io non ti dico fino a sette volte, ma
fino a settanta volte sette.

23 Perciò il regno dei cieli è simile a un re, il quale volle
fare i conti con i suoi servi.

24 Avendo iniziato a fare i conti, gli fù presentato uno che gli era debitore di diecimila
talenti*.

25 Non avendo questi di che pagare, il suo padrone comandò che
fosse venduto lui sua moglie, e i suoi figli e tutto quanto aveva, perché il debito fosse saldato.

26 Allora quel servo , gettatosi a terra, gli si prostrò davanti
dicendo: “Signore abbi pazienza con me e ti pagherò tutto”.

27 Mosso a compassione, il padrone di quel servo lo lasciò
andare e gli condonò il debito.

28 Ma quel servo uscito fuori, incontrò uno dei suoi conservi,
che gli doveva cento denari*; e, afferratolo per la gola, lo soffocava dicendo: “Pagami ciò che mi devi”.
29 Allora il suo conservo, gettandosi i suoi piedi, lo supplicava dicendo: Abbi
pazienza con me, e ti pagherò tutto”.
30 Ma costui non volle, anzi andò e lo fece imprigionare,finchè non avesse pagato
il debito.
31 Ora gli altri servi, visto quanto era accaduto, ne furono grandemente
rattristati e andarono a riferire al loro padrone tutto ciò che era accaduto.
32 Allora il suo padrone lo chiamo a sé e gli disse “Servo malvagio, io ti
conosco io ti ho condonato tutto quel debito, perché mi hai supplicato.
33 Non dovevi anche tu aver pietà del tuo conservo,come io ho avuto pietà di
te?”
34 E il suo padrone, adiratosi, lo consegno agli aguzzini finchè non aveva
pagato tutto quanto gli doveva.
35 Cosi il mio Padre celeste farà pure a voi, se ciascuno di voi non perdona di
cuore il proprio fratello i suoi falli.
       Matteo cap 18
vers 15-35

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s