IL LIBRO DEL PROFETA EZECHIELE


IL LIBRO DEL PROFETA EZECHIELE
Cap:1
Visione dei quattro esseri viventi
1 Nel trentesimo anno, il cinque del quarto mese avvenne che , mentre mi trovavo tra i deportati presso il fiume kebar i cieli si aprirono ed ebbi visioni da parte di DIO.
2 Il cinque del mese (era il quinto anno della cattività del re Jehoiakin).
3 la parola dell’Eterno fu espressamente rivolta al sacerdote Ezechiele, figlio di Buzi, nel paese dei Caldei, presso il fiume kebar; e là fu sopra di lui la mano dell’Eterno.
4 Mentre guardavo, ecco venire dal nord un vento di tempesta, una grossa nuvola con un fuoco che si avvolgeva su se stesso; intorno ad esso e dal mezzo di esso emanava un grande splendore come il colore di bronzo incandescente in mezzo al fuoco.
5 Dal suo mezzo appariva le sembianze di quattro esseri viventi ;e questo era il loro aspetto. Avevano le sembianze d’uomo.
6 Ognuno di essi aveva quattro facce e ognuno quattro ali.
7 Le loro gambe erano diritte e le piante dei loro piedi era come la pianta del piede di un vitello, e sfavillavano come il bronzo lucidato.
8 Sui loro quattro lati, sotto le ali avevano mani d’uomo; e tutte e quattro avevano le proprie facce e le proprie ali.
9 Le loro ali si toccavano l’uno con l’altra; avanzando non si toccavano, ma ciascuno andava diritto davanti a sé
10 Quanto all’aspetto delle loro facce, avevano tutti la faccia di uomo , tutti e quattro la faccia di leone a destra, tutti e quattro la faccia di bue a sinistra, e tutti e quattro la faccia d’aquila .
11 Tali erano le loro facce. Le loro ali erano distese verso l’alto ; ciascuno aveva due ali che si toccavano e due che coprivano il loro corpo.
12 Ciascuno andava diritto davanti a sé; andavano ovunque lo spirito voleva andare e, andando non si voltavano.
13 quanto all’aspetto degli esseri viventi, essi sembravano come carboni ardenti come fiaccole. Il fuoco si muoveva in mezzo agli esseri viventi; il fuoco era risplendente e dal fuoco si sprigionavano lampi.
14 Gli esseri viventi correvano avanti e indietro, sembravano come un fulmine.
15 Come guardavo gli esseri viventi, ecco una ruota in terra accanto agli esseri viventi con le loro quattro facce.
16 L’aspetto delle loro ruote e la loro fattura era come l’aspetto del colore del grisolito; tutte e quattro si somigliavano. Il loro aspetto e la loro fattura era come quella di una ruota in mezzo a un’altra ruota.
17 quando si muovevano andavano verso una delle loro quattro direzioni e, e andando, non si voltavano.
18 Guanto ai loro cerchi, erano alti e imponenti; e i cerchi di tutte e quattro erano pieni di occhi tutt’intorno.
19 Quando gli esseri viventi si muovevano, anche le ruote si muovevano accanto a loro e quando gli esseri viventi si alzavano da terra, si alzavano anche le ruote.
20 Dovunque lo spirito voleva andare, andavano anch’essi, perché là andava lo spirito; le ruote si alzavano con essi, perché lo spirito degli esseri viventi era nelle ruote.
21 Quando essi si muovevano, anche le ruote si muovevano; quando essi si fermavano , anch’esse si fermavano, e quando essi si alzavano da terra, anche le ruote si alzavano con essi, perché lo spirito degli esseri viventi era nelle ruote.
Visione della gloria dell’Eterno
22 Sopra le teste degli esseri viventi c’era la sembianze di un firmamento, simile al colore di un maestoso cristallo disteso sopra le loro teste.
23 Sotto il firmamento si stendevano diritte le loro ali, l’una verso l’altra; ciascuno ne aveva due che coprivano un lato e due che coprivano l’altro lato del corpo.
24 Quando essi si muovevano, io sentivo il fragore delle loro ali, come il fragore delle grandi acque, come la voce dell’ Onnipotente ,il rumore di un grande tumulto, come lo strepitio di un esercito; quando si fermavano, abbassavano le loro ali.
25 E si udiva un rumore al di sopra del firmamento che era sopra le loro teste; quando si fermavano, abbassavano le loro ali.
26 Al di sopra del firmamento che stava sopra le loro teste, c’era la sembianze di un trono che sembrava come una pietra di zaffiro , e su questa specie di trono, in alto su di esso, stava una figura dalle sembianze di uomo.
27 Da ciò che sembravano i suoi lombi in su vidi pure come il colore di bronzo incandescente che sembrava come fuoco tutt’intorno dentro di esso, e da ciò che sembravano i suoi lombi in giù vidi qualcosa somigliante al fuoco e che emanava tutt’intorno un grande splendore.
28 Com’è l’aspetto dell’arcobaleno nella nuvola in un giorno di pioggia, così era l’aspetto dello splendore che lo circondava. Questa era una apparizione dell’immagine della gloria dell’Eterno. Quando la vidi, caddi sulla mia faccia e udì la voce di uno che parlava.
Il mandato di Ezechiele Cap2
2 Mentre egli mi parlava, lo Spirito entrò in me e mi fece alzare in piedi; e io udii colui che mi parlava.
3 Egli mi disse: <>.
9 Io guardai, ed ecco una mano tesa verso di me; ed ecco in essa vi era il rotolo di un libro.
10 Egli lo distese quindi davanti a me; era scritto di dentro e di fuori e vi erano scritti lamenti e guai.
Cap 3
1 Quindi mi disse: <> .
2 Così io apersi la bocca ed egli mi fece mangiare quel rotolo.
3 Poi mi disse: <>. Così io lo mangiai e fu nella mia bocca dolce come il miele.
4 Mi disse ancora:<>.
10 Poi mi disse: <>.
12 Quindi lo Spirito mi sollevò e udii dietro di me il suono di un grande fragore che diceva: <>.
13 udì pure il rumore delle ali degli esseri viventi che battevano una contro l’altra, il rumore delle ruote accanto a esse, e il suono di un grande fragore.
14 Così lo Spirito mi sollevò e mi portò via , e io andai pieno di amarezza nello sdegno del mio spirito; ma la mano dell’Eterno era forte su di me.
15 Giunsi quindi da quelli che erano in cattività a Tel –Abib presso il fiume kebar e mi fermai dove essi dimoravano, e vi rimasi sette giorni in mezzo a loro stordito.
Annunzio della rovina di Gerusalemme e della cattività
16 Alla fine dei sette giorni avvenne che la parola dell’Eterno mi fu rivolta dicendo:
17 <>.
21 Se però tu avverti il giusto perché non pecchi e non pecca egli certamente vivrà perché e stato avvertito, e tu avrai salvato la tua anima>>.
22 Là fu quindi su di me la mano dell’Eterno e mi disse:<>
23 Così mi alzai e uscii nella pianura, ed ecco l’a stava la gloria dell’Eterno, come la gloria che avevo visto presso il fiume Kebar, e caddi sulla mia faccia
24 Ma lo Spirito entro in me, mi fece alzare in piedi e mi parlò e mi disse:<>.

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s