Conversione dell’Apostolo Paolo sulla via di Damasco


Conversione dell’Apostolo Paolo sulla via di Damasco

                                                                                         

1 Saulo intanto, spirando ancora minacce e strage contro i discepoli del Signore, si recò dal sommo sacerdote.

2 e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco affinché, se avesse trovato alcun seguace della Via, uomini e donne , li potesse condurre legati in Gerusalemme.

3 Or avvenne che, mentre era in cammino e si avvicinava a Damasco, all’improvviso una luce dal cielo gli folgorò d’intorno.

4 E, caduto a terra ,udì una voce che gli diceva: <<Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?>>.

5 Ed egli disse: << Chi sei , Signore?>>. E il Signore gli disse. << Io sono Gesù, che tu perseguiti; ti è duro recalcitrare contro i pungoli >>.

6 Allora egli, tutto tremante e spaventato, disse: <<Signore, che vuoi che io faccia? >>. E il Signore gli disse: <<Alzati ed entra nella città, e ti sarà detto ciò che devi fare>>.

7 Or gli uomini che viaggiavano con lui si fermarono attoniti, perché udivano il suono della voce, ma non vedevano alcuno.

8 Poi Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva alcuno; allora prendendolo per mano lo condussero in Damasco.

9 E rimase tre giorni senza vedere, nei quali né mangiò né bevve.

10 Or a Damasco  vi era un discepolo di nome Anania , al quale il Signore disse in visione: << Anania! >>. Ed egli rispose :<< Eccomi , Signore! >>.

11 E il Signore a lui: alzati e recati nella strada detta diritta, e cerca in casa di Giuda, un uomo di Tarso di nome Saulo; poiché ecco, egli sta pregando;

12 egli a visto in visione un uomo di nome Anania, entrare e imporgli le mani perché recuperi la vista>>.

13 Allora Anania rispose: << Signore, io ho udito da molti di quest’uomo, di quanto male ha fatto ai tuoi santi in Gerusalemme.

14 E qui ha l’autorizzazione dei capi dei sacerdoti di imprigionare tutti coloro che invocano il tuo nome >>.

15 ma il Signore gli disse: << Va perché costui è uno strumento da me scelto per portare il mio nome davanti alle genti, ai re e ai figli d’Israele.

16 Poiché io gli mostrerò quante cose, egli deve soffrire per il mio nome>>.

17 Anania dunque andò e entrò in quella casa: e, imponendo le mani, disse:  << Saulo, Fratello, il Signore Gesù, che ti è apparso sulla via per la quale venivi , mi ha mandato perché tu recuperi la vista e sii ripieno  di Spirito Santo >>.

18 E in quell’istante gli caddero dagli occhi come delle scaglie, e subito riacquistò la vista; poi si alzò e fu battezzato.

IL persecutore perseguitato

19 E, dopo aver preso cibo, egli ricuperò le forze. Poi Saulo rimase alcuni giorni con i discepoli che erano a Damasco.

20 E subito si mise a predicare il Cristo nelle sinagoghe,proclamando che egli  è il figlio di Dio.

21 E tutti quelli che lo udivano stupivano e dicevano:<< Non è costui quel tale che a Gerusalemme perseguitava coloro che invocavano   questo nome, ed è venuto qui con lo scopo di condurli prigionieri dai capi dei sacerdoti?>>.

22 Ma Saulo si rafforzava sempre più e confondeva i Giudei che abitavano a Damasco dimostrando che Gesù è il Cristo.

23 Molti giorni dopo i Giudei si consultarono insieme per ucciderlo.

24 Ma il loro complotto venne a conoscenza  di Saulo. Or essi facevano la guardia alle porte, giorno e notte per poterlo uccidere.

25 allora i discepoli lo presero di notte e lo calarono giù dalle mura dentro una cesta.

26 Giunti a Gerusalemme, Saulo cercava di unirsi ai discepoli; ma avevano tutti paura di lui, non potendo credere che egli fosse un discepolo.

27 Allora Barnaba lo prese e lo condusse agli apostoli, e raccontò loro come lui lungo la strada aveva visto il Signore, e come gli aveva parlato, e come a Damasco aveva parlato con franchezza nel nome di Gesù.

28 Così egli rimase con loro a Gerusalemme, andando e venendo, e parlava con franchezza nel nome di Gesù.

29 Egli parlava anche e discuteva con gli ellenisti*; ma essi cercavano di ucciderlo.

30 I fratelli però saputi di questo lo condussero a Cesarea e di là lo mandarono a Tarso.

31 Così le chiese in tutta la Giudea , la Galizia e la Samaria avevano pace  ed erano edificate. E camminando nel timore del Signore e nella consolazione dello Spirito Santo, si moltiplicavano.

(Tratto dalla Bibbia atti degli Apostoli cap.9,v.1fino al v31)

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

2° LETTERA DI PAOLO APOSTOLO AI CORINTI CAP 6


 

2° LETTERA DÌ PAOLO AI CORINTI CAP 6

Abnegazione di Paolo nel suo ministero

1Ora . essendo suoi
collaboratori, vi esortiamo a non ricevere invano la grazia di Dio,

2 perché egli dice;<< Io ti ho esaudito nel tempo
accettevole e ti ho soccorso nel giorno della salvezza>>. Ecco ora è il
tempo accettevole,ora il giorno della salvezza.

3 Noi non diamo alcun motivo di
scandalo in nessuna cosa, affinché non sia vituperato il ministero;

4 ma in ogni cosa raccomandiamo noi stessi come ministri di Dio
nelle molte sofferenze, nelle afflizioni, nelle necessità, nelle distrette,

5 nelle battiture, nelle prigionie nelle sedizioni, nelle
fatiche, nelle veglie , nei digiuni,

6 con purità, con conoscenza, con pazienza, con benignità, con
lo Spirito, con amore non finto,

7 con la parola di verità, con la potenza di Dio, con le armi
della giustizia a destra e a sinistra,

8 nella gloria e nel disonore, nella buona e nella cattiva fama;

9 come seduttori eppure veraci
come sconosciuti, eppure riconosciuti;
come morenti,eppure  ecco viviamo; come castigati, ma pure non messi a morte;

10 come contristati, eppure
sempre allegri; come poveri eppure
arricchendo molti; come non avendo nulla, eppure
possedendo tutto

Urgenti esortazioni a santità

11la nostra bocca vi ha parlato apertamente ,o Corinzi, il
nostro cuore si è allargato.

12 Voi non state allo stretto in noi, ma è nei vostri cuori che
siete allo stretto.

13 Ore in contraccambio, parlo come a figli, allargate il cuore.

14 Non vi mettete con gli infedeli sotto un gioco diverso,
perché quale relazione c’è tra la
giustizia e l’iniquità? E quale comunione c’è
tra la luce e le tenebre?

15 E quale armonia c’è fra
Cristo e Belial*?O che parte ha il fedele con l’infedele?

16 E quale accordo c’è fra
il tempio di Dio egli idoli? Poiché voi siete il tempio del Dio vivente, come
Dio disse:<< Io abiterò in mezzo a loro, e camminerò fra loro; e sarò il loro Dio,ed essi saranno
mio popolo>>.

17 Perciò << uscite di mezzo a loro e separatevene, dice
il Signore,e non toccate nulla d’immondo,e io vi accoglierò.

18 e sarò come un padre per voi, e voi sarete per me come figli
e figlie, dice il Signore Onnipotente>>.

19 Avendo dunque queste promesse
carissimi  purifichiamoci da ogni
contaminazione di carne e di spirito, compiendo la nostra santificazione nel timore di Dio.